Skip to content

Hara hachi bu: tagliare le calorie in eccesso

27 febbraio, 2012

Se vi fosse un sistema semplice per vivere più a lungo, eliminare di fatto il rischio di cancro, diminuire tutte le forme di malattie croniche e dimezzare la velocità dell’attuale processo di invecchiamento, lo vorreste sicuramente conoscere. E sembra che esista davvero. Un sagace scienziato della Cornell University, il dottor C.M. Mc Kay, lo individuò negli anni Trenta. Fece un’incredibile scoperta: la riduzione della calorie è un metodo logico e riproducibile per prolungare la vita e la vitalità degli animali e si è dimostrato efficace in ogni specie testata, dagli organismi acquatici ai primati.

Curiosamente, solo una popolazione umana a noi nota si è autoimposta l’abitudine di ridurre le calorie: gli abitanti di Okinawa, i più longevi del mondo. Mangiano molto e certo non soffrono di fame, ma di solito si alzano da tavola prima di essere completamente sazi.
Questo segreto è l’hara hachi bu che tradotto liberamente significa “mangiare finchè si è pieni per otto parti (su dieci). In parole povere, alla fine di ogni pasto bisogna lasciare un po’ di posto nello stomaco.

Ecco il motivo: i recettori che permettono di avvertire la dilatazione dello stomaco impiegano circa venti minuti per comunicare al cervello il grado effettivo di sazietà. Ci si sente veramente pieni venti minuti dopo aver abbassato la forchetta. Se ci riempiamo al 100%, finiremo per introdurre un 20% di cibo in eccesso a ogni pasto. Ogni volta lo stomaco continuerà a distendersi per contenerlo tutto, così in seguito dovremo mangiare un po’ di più per provare la stessa senzazione di sazietà. E’ un circolo vizioso che aveva la sua ragione d’essere ai tempi in cui gli uomini dovevano procurarsi di chi vivere, ma ora con un minimarket a ogni angolo è un meccanismo pericoloso. Pensate all’hara hachi bu finchè non diventerà il vostro nuovo mantra e avrete più possibilità di vincere la battaglia contro la ciccia.

Sedici segreti per eliminare le calorie in eccesso

Tratto da pagg. 92 di Okinawa, l’isola dei centenari. L’alimentazione e lo stile di vita del popolo più longevo della terra. di Bradley J. Willcox, D. Craig Willcox e Makoto Suzuki.

From → Uncategorized

9 commenti
  1. mariella permalink

    ed è anche il motivo per cui bisogna masticare lentamente,ci si sente sazi prima

  2. sai che l’ha sempre detto anche mia mamma? per dimagrire devi alzarti da tavola con un po’ di fame (poi quando vado a trovarla mi piazza davanti formaggi e salsiccia sarda, dolci di ogni tipo…mica tanto facile alzarsi da tavola senza essere pieno come un ovetto🙂

    • Si Eugenio, la stessa cosa che mi ha detto mia mamma. La nonna diceva che…
      Poi pero da buona italiana a ogni pasto esagera ad apparecchiare la tavola e non e’ contenta fino a quando tutti non ce la fanno più..
      Il che, come dice Alessandro, potrà essere una bella sensazione quando ti fai la mangiata speciale, ma se diventa la norma finisce che non ti gusti più quel che mangi.
      Io poi ho una digestione molto lenta e sono particolarmente sensibile, anche perché mangio troppo in fretta.

  3. ma vuoi mettere con quella sensazione di pace dei sensi quando NON riesci ad alzarti dal tavolo per aver introdotto il 400% delle calorie??
    ad ogni modo senza sapere nulla di okinawa io ho sviluppato questo modo di mangiare apparentemente disordinato che pero´ mi tiene in forma: mangio solo quando ho fame, qualsiasi sia la ora, principalmente micropasti a brevi intervalli.
    esiste una base scientifica??

    • Se riesci a mangiare solo quando hai veramente fame e non per quella che io chiamo fame nervosa e in inglese si chiama emotional eating, e’ perfetto.
      Tanti nutrizionisti raccomandano almeno 5 piccoli pasti al giorno invece che i 2 o 3 grandi a cui siamo abituati
      Mangiare a ore più o meno fisse invece e’ importante perché spesso abbiamo bisogno di nutrirci anche senza sentire fame e più spesso il contrario, pensiamo di avere fame ma siamo solo nervosi o annoiati o con un vuoto dentro che ci illudiamo di riempire con un bel dolcetto. Anche se per qualche minuto, va riconosciuto, ci riempie alla grande🙂

Trackbacks & Pingbacks

  1. 16 segreti per eliminare le calorie in eccesso « 40 e adesso?
  2. Il grande balzo in avanti « 40 e adesso?
  3. Voglio andare a vivere in campagna « 40 e adesso?
  4. I segreti per vivere a lungo con successo « 40 e adesso?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: